Dove mettere il rilevatore di fumo

I sistemi di allarme non servono solo a rilevare un’intrusione, ma anche a prevenire rischi ambientali, come il fumo o un incendio.

Secondo la Protezione Civile, ogni anno in Italia più di mille persone muoiono in seguito a incendi domestici, quasi sempre a causa del fumo e dei vapori tossici da questi sviluppati.

La maggior parte degli incendi sono dovuti al cattivo funzionamento degli impianti elettrici e alle sigarette dimenticate accese. 

Per evitare un incendio domestico, molte persone ricorrono ai rilevatori di fumo, ma bisogna stare attenti al suo collocamento. Ecco alcuni suggerimenti per trovare il punto ottimale:

 

Tienilo in alto I 4 sistemi di sicurezza che servono al tuo condominio

Il fumo e il calore vanno verso l’alto, quindi ha senso che il sensore vada sul soffitto o comunque nella parte alta del muro. Occhio a non posizionarlo troppo vicino alla zona dove la parete e il soffitto si incontrano.

Se la stanza ha un soffitto spiovente, non posizionare il sensore in cima, ma almeno una spanna oltre quel punto.

 

La stanza ideale

pexels-photo-26139-large

La stanza dove non deve assolutamente mancare un rilevatore di fumo è la camera da letto.

Più sensori metterai, più aumenterai la sicurezza anticendio. Questo perché un unico sensore non può coprire adeguatamente un intero appartamento.

 

Luoghi da evitare

food-pot-kitchen-cooking-large

La cucina – Tutto il fumo causato dalla cottura può facilmente innescare un allarme, rendendolo un luogo tutt’altro che ideale per il sensore.

Il bagno – i vapori della doccia/vasca possono essere interpretati dal rivelatore come un fumo.

Se hai un camino, puoi posizionare il sensore nella stessa stanza, a patto che si trovi in fondo, di fronte al camino.

 

Spero che quest’articolo ti sia stato utile; se hai dubbi o suggerimenti non esitare a scrivermi: sono qui per aiutarti.

Rispondi