La Sicurezza non è mai troppa

In questi giorni ho incontrato un mio cliente storico, Gianni, che si occupa di commercio di prodotti alimentari.

Gianni ha un appartamento in un quartiere residenziale di Milano: tanti piccoli condomini con i loro box, negozi e uffici quasi inesistenti.

Si potrebbe dire che si stratta di un quartiere tranquillo, e per certi versi lo è. Forse troppo.

Come riporta uno studio sulle abitazioni a rischio a Milano, i “topi d’appartamento” si scatenando specialmente tra autunno e inverno, prediligendo il venerdì e il sabato sera.

L’articolo parla anche di un “effetto contagio”: il rischio che un appartamento venga visitato dai ladri si trasmette alle abitazioni più vicine e si estende ai portoni in un raggio di 50 metri, ad alto rischio fino a 18 giorni dopo.

Uno scenario decisamente allarmante.

Perché non devi nascondere oggetti di valore in camera da letto

Gianni, cosa pensi di questi dati?

Uno scenario decisamente allarmante: da quello che si sentiva dire sui rischi, era il caso di fare qualcosa. Soprattutto perché casa mia era proprio al primo piano di un quartiere residenziale.

Sentivo il bisogno di investire per evitare eventuali dànni.

E cosa hai fatto per mettere la tua casa al sicuro?

Nel 2012 ho fatto installare un sistema di allarme alle tapparelle di tutte le finestre, così se qualcuno tentava di aprirle dall’esterno sarebbe scattato l’allarme.

E ha funzionato?

Due anni dopo, verso le 8 di sera, due individui si sono arrampicati dal balcone della camera da letto e hanno cercato di aprire la porta-finestra: appena hanno mosso la tapparella è scattato l’allarme!

Il rumore ha allertato i vicini, che hanno visto due persone scavalcare la recinzione e scappare.

Un furto sventato è sempre una soddisfazione! Cosa hai fatto dopo?

Il sistema di allarme ha fatto il suo dovere, perciò ho voluto fare lo stesso in altre due case e nei box; nel mio quartiere infatti erano già entrati in diversi garage: portavano via le bici, aprivano le macchine… era un rischio troppo alto.

Negli appartamenti invece ho inserito l’allarme sia nelle finestre che nella porta d’ingresso, per stare più tranquillo.

Photo_Lifestyle_Product_WindowSensor_6465

Come ti trovi con questi sistemi di sicurezza?

Sono molto soddisfatto: non solo dell’installazione, ma dell’assistenza costante.

Se non mi è chiaro un passaggio, o semplicemente devo sostituire le batterie dell’allarme, basta una telefonata per risolvere il problema.

Questo mi fa molto piacere.

A proposito dell’assistenza tecnica, consiglio di leggere “5 motivi per cui i sistemi di sicurezza non funzionano a casa: se devi investire su un servizio, assicurati che funzioni al meglio.

Ringrazio Gianni per aver condiviso la sua esperienza e se anche tu che stai leggendo vuoi condividere la tua, lascia pure un commento qui sotto!

Rispondi