Si può hackerare una casa?

Sempre più dispositivi di Internet riempiono le nostre case, ma questi aggeggi possono portare con sé un potenziale pericolo.

La maggior parte dei consumatori non vede questi dispositivi come rischioso, ma la verità è che oggetti come i baby monitor collegati a Internet, i giocattoli collegati al Wifi, le auto con sistemi di infotainment e le forniture mediche possono essere violati.

Security concept: Lock on digital screen, contrast, 3d render

Nel 2013, più di 100.000 dispositivi “smart” facevano parte di una vasta campagna di spam tramite email. Sono stati inviati più di 750.000 messaggi spazzatura, compromettendo computer, smart tv e router domestici.

Una volta hackerati, questi dispositivi possono agire come un cavallo di Troia che permetterà agli hacker di accedere ad altri dispositivi in casa, l’identità di un utente o anche conti finanziari.

Fortunatamente, ci sono modi in cui si può godere di questi elementi ed ancora proteggersi.

Close-up of female hands touching buttons of black computer keyboard

La prima cosa che si vuole fare per proteggere la vostra casa è quello di garantire che i router Wi-Fi siano il più sicuro possibile. E’ necessaria una password alfanumerica e un utente deve assicurarsi che il firmware, che è un software che alimenta questi dispositivi, vengano aggiornati regolarmente. La maggior parte dei router sono aggiornati a distanza da Internet provider, ma è sempre una buona idea controllare.

Bisogna aggiornare qualsiasi dispositivo che si collega al router, come ad esempio telefoni cellulari, tablet e computer. In altre parole, se il dispositivo dice che è disponibile un aggiornamento, è nel vostro interesse metterlo in pratica.

apple-iphone-smartphone-desk-large

Per semplificarti la vita, ti metto qui sotto un paio di link utili:

Secure Password Generator: permette di generare password con diversi criteri (lettere, numeri, caratteri speciali…)

1Password: è un’app disponibile per iOS, Android e mobile, permette di raccogliere tutte le password/dati di accesso e “chiuderli a chiave”

 

Per approfondire, leggi anche “5 modi per proteggerti dal furto d’identità 

Rispondi